22.6.10

E se

Qualche giorno fa mi sono svegliata con un senso di benessere: in sogno avevo trovato finalmente la "cosa" in grado di realizzarmi ed appagarmi. Esatto, ma quale? Già non la ricordavo più.
Penso a tutte quelle volte in cui la nostra vita ha cambiato corso per qualche motivo, anche apparentemente stupido.
Dato che a quattro anni la mia capacità snodabile era pari solo a quella di una barbie, i miei genitori pensarono bene di farmi fare ginnastica artistica. Un mucchietto d'ossa su trave, parallele, anelli; impegnata in flik flak, spaccate, verticali e ruote. Prometteva bene questo scricciolo, poi arrivò l'allergia alle mani e l'infrangersi di una carriera agonistica e un'altezza di 1 metro e 30 da adulta.
Il discorso si può allargare all'infinito.
E se avessi continuato a dipingere? E se fossi entrata a medicina? E se avessi tenuto la lingua al suo posto, oppure avessi risposto a tono in certe occasioni?
Chi lo sa come sarebbe andata?
Questa sono io: frutto di tutti i miei successi, dei colpi di fortuna, delle persone che ho incontrato sulla mia strada, degli insegnamenti ricevuti, delle innumerevoli cadute.
Sono un mosaico in evoluzione, pronta a cambiare e ad aggiungere altre facce.
Sarò sempre e solo io quella che tesserà e disferà la tela dell'esistenza, unicamente io a lanciarmi nell'occhio del ciclone, e poi, sarò esclusivamente io a ritrovare il cielo sereno nella pancia.
Allora non etichettatemi.

3 commenti:

  1. Il fatto che tu non ricorda cosa ti procurava questa senso di soddisfazione è proprio la dimostrazione di come non sia una cosa/evento/persona che permetta ciò. Ognuno di noi decide quanto essere sentirsi bene in questa vita. E quante etichette farsi appiccicare addosso. Le persone giudicano, sempre e comunque, in bene e in male. Siam noi a decidere quale di queste etichette tenerci e quali no. Potremmo benissimo farci scivolare addosso tutto decidendo che per noi è perfetto così.
    Cicci, non ci è data un'altra vita. E' in questa che dobbiamo realizzarci come meglio crediamo e cercando di non far del male agli altri.

    RispondiElimina
  2. ti voglio bene cucciola :-)

    RispondiElimina
  3. bel post ciccia, brava...e ricorda che per essere felici ci vuole davvero poco, il gesto affettuoso di chi ti sta a fianco, una risata con gli amici, una bella giornata di sole! essere tropo pretestuosi e mai felici perchè..manca sempre qualcosa..è un'offesa al miracolo della vita !!

    RispondiElimina