26.6.10

Snooker

Parco Nord, 10 Km che non giungono mai alla fine, caldo, stanchezza e due gambe che non tengono il passo.
Raund ze snuca teibl iu dans fruci tuci.
Non mi sono bevuta il cervello, no signori miei. E' una strofa di "The last of the English roses", singolo di debutto del cantante dei Babyshambles, Peter Doherty.
Chi non conosce il compagno di sniffate di Kate Moss? Beh, questo ragazzaccio non mi dispiace, così come il suo accento inglese e il brano dal suono volutamente sporco (spero).
E lo snooker, accidenti, per interi inverni ho masticato tornei interi. Pace all'anima del povero e sfigato Paul Hunter e del suo "settantello".
Metto insieme dei pensieri a caso e, se volete, il nesso trovatelo voi.
Forse solo Furio riuscirà a comprendere.
Baci,
la vostra sempiterna Magda.

Nessun commento:

Posta un commento