5.7.11

Dopo

Cosa ne puoi sapere tu della fatica che faccio tutti i giorni a trascinarmi su questa terra? Come faccio a spiegarti che cambiare le cose non è possibile, che non basta solo volerle, ma che prima bisogna capire cosa si vuole e poi accettare di essere assolutamente impotenti?
Le scelte sbagliate ti cambiano inevitabilemente la vita, ti spostano la prospettiva per un po', ma poi, fidati si torna a guardare dalla stessa finestra, solo più consapevoli, perché a scottarsi le mani ancora non si ha voglia.
Io la mia personale rivoluzione l'ho fatta, l'ho pagata cara e tutto sommato il risultato è stato favorevole. Ora accetto il compromesso, perché soffrire ancora inutilmente non riuscirei a sopportarlo.

Nessun commento:

Posta un commento