12.2.20

Buon compleanno, Gattonza!

Squillo di trombe! Oggi questo blog compie DIECI anni. D.I.E.C.I.
Sono pochi? Sono molti? Sono abbastanza per aver stravolto la mia vita.
Ho cominciato a scrivere qua dentro che ero un rottame, in piena crisi esistenziale, coniugale, personale, e con tutte le parole che finiscono per -ale.

Ho viaggiato tanto, sono riuscita a vedere posti con il giusto grado di incoscienza e di energie. Da genitore non li avrei presi nemmeno in considerazione, tanto per dire.

Sono dimagrita abbastanza per vedermi meglio allo specchio, per sentirmi carina e desiderabile, più leggera per la corsa. Ma ho anche capito che magro non è sempre bello se devi essere schiavo della bilancia quando la tua costituzione non è proprio esile; che a volte si sta più sereni con qualche chilo in più. Stay ossa grosse, stay tranqui.

Contro ogni aspettattiva e sempre con un mare di paure, sono diventata mamma. Due volte. Se era dura con una figlia, senza aiuti di nonni o una rete di parenti, con due bambini ho capito che mi lamentavo del nulla, ma ci sono arrivata solo dopo. Prima era davvero una passeggiata di salute, ora una salita ripida su terreno accidentato. Per questo motivo i figli fateli da giovani perché sarete più forti, e non fateli nemmeno crescere agli altri, altrimenti vi perderete un sacco. Oppure non fateli proprio che non è mica obbligatorio e andrà bene lo stesso.

Diventando genitore la metamorfosi si è avviata naturalmente. Ho parecchie rughette, i capelli raramente in ordine, la schiena dolorante e la pancetta flaccida. Mi trucco al lavoro perché a casa non faccio in tempo. La moda che cos'é? Abiti morbidi e perlopiù sportivi, scarpe basse e veloci, zaino in spalla, orologio retroilluminato per vedere a che ora della notte vengo svegliata random. Sono sempre in debito di sonno ed energie, ma un cuore grande che scoppia di gioia. Sono un albero dove i bambini si arrampicano, sono la luce, la loro coperta. E questo mi basta.

Ho corso tre maratone, un numero indefinito di mezze e distanze intermedie. Ora non riesco a fare cento metri senza il fiatone, e sorpresa, la corsa non mi manca minimamente. Vado in bicicletta, con uno dei due bambini, raramente con entrambi, in compenso persino d'inverno purché ci siano più di 5°C. Mal sopporto l'auto, inquina e rende tutti nevrastenici.

Quest'anno compio 42 anni ed ho perso un sacco di persone. Alcune sono proprie morte. Un compagno di liceo, la mia compagna di stanza all'università, vari volti nella folla, e mio padre. Lui è ancora una ferita che si apre, si chiude e mai cicatrizza bene. Non mi sono mai sentita accettata pienamente nella famiglia di mio marito nonostante gli sforzi da entrambe le parti. Posso inoltre tranquillamente affermare che la mia famiglia di origine - le mie radici - non esiste. Siamo isole su una mappa. La mia famiglia è quella che mi sono creata e nulla più, un paio di amici, qualche conoscente, e stop.

Ho imparato che le amicizie finiscono e va bene così. Da qualche parte ho letto che l'amicizia non è fatta da persone ma da attimi che abbiamo condiviso (non era proprio così ma il senso sì). Ho capito che certi rapporti sono tossici e se non funzionano è inutile perderci tempo, quindi per andare oltre bisogna rompere i ponti definitivamente. Questo non significa che qualche volta non ci pensi lo stesso.

Il tempo sembra non bastare mai, è tutto troppo veloce e frenetico, o semplicemente troppo. Ho imparato che "less is more". Mi sono liberata di tanti oggetti, e con costanza rifaccio il punto della situazione, liberando spazio nella vita reale e in quella virtuale. Sono passata da essere social addict a insofferente verso le forme di condivisione. Non mi sparo più selfie, non ho più instagram, né twitter e odio linkedin. Non sopporto Facebook, tuttavia ho un account che mi serve solo per rimanere aggiornata su quello che fanno i miei figli al nido e materna. Rimane il caro vecchio Tumblr (scremato dell'impossibile), e questo blog che cerco di animare qualche volta. 
Insomma, tanti auguri alla Gatta Matta, brizzolata ma più saggia.

Nessun commento:

Posta un commento