Pagine

Informazioni personali

26.2.22

57/365 (26 Feb) Carnevale a Venezia pt.1

Alla fine è prevalsa la voglia di partire, di ricominciare a viaggiare. Ora che i bambini sono più grandicelli e collaborativi ci sentiamo di azzardare qualcosa in più. Riguardo le foto di uno e due anni fa e mi sembrano lontane secoli, e io non voglio più quel periodo buio. Allora andiamo?
Abbiamo prenotato una notte in un hotel a Mestre perché come base è perfetta: è ben servita dai mezzi e dista pochi minuti da Venezia. Siamo partiti stamattina poco prima delle nove e siamo arrivati dopo due ore e mezza. Check-in, panino e travestimenti. Pronti, via.
Prendiamo il Tram T1 da Cattaneo, dato che è pausa pranzo ed è tutto chiuso i biglietti li compro direttamente su AVM Venezia Official App con la carta di credito (vanno attivati manualmente, non c'è un lettore per intenderci).
In 13 minuti siamo già in Piazzale Roma a Venezia dove c'è il capolinea del tram. Arrivare qui è a prova di scem*. Prova superata!
Il nostro giro comincia attraversando Ponte Papadopoli, poi basta seguire le indicazioni per Rialto e San Marco e il gioco è fatto. Da San Marco torniamo indietro accendendo il navigatore con lo scopo di aggirare il bordello di Rialto. Il nostro giro finisce in uno dei tanti bar per lo Spritz d'ordinanza (pagato 3,50 Eur, ma si trova facilmente anche a 1 euro in meno)

Ecco il giro:


Ci siamo travestiti tutti: Eros da Gattoboy, Ester da Gufetta, Martirio da Frate, e io da Suora.

Venezia vive sul turismo, e questo è l'evento dell'anno che più la caratterizza. Fiumana di gente e calca: il Covid non esiste più qui. Nessuno se ne cura.
Una vista dal Ponte di Rialto sul Canal Grande:

Come sono stati i bambini? Tutto sommato bravi, a fine giornata abbiamo macinato quasi 10 Km a piedi e sono stati pochi i momenti in cui Eros è salito sulle spalle o in braccio.


Sono passati quasi vent'anni dalla prima volta che siamo stati qua, e comunque riesce sempre a mantenere il suo fascino. Qualche scorcio:



 






Nessun commento:

Posta un commento